Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

"Il Venerdì in Museo" : alla Rocca Albornoz arrivano gli incontri con il mondo del cinema, del teatro, della narrativa

Libri
Font

VITERBO - Nuovo appuntamento culturale al Museo Nazionale Etrusco di Rocca Albornoz, che forte dell'aumento del 45% dei visitatori rispetto al passato, prosegue con le iniziative di apertura verso la città: a partire da venerdì 26 gennaio avrà inizio la rassegna "Il Venerdì in Museo" curata dalla dottoressa Rosella Lisoni e dalla direzione della struttura.

Pin It

La rassegna prevede ospiti del mondo del cinema, del teatro, della narrativa oltre a studiosi locali e non solo.  

Un venerdì al mese, da gennaio a dicembre, i relatori intratterranno il pubblico presentando le loro opere e conversando insieme alla platea di partecipanti.

L'iniziativa culturale, nata da un'idea di Rosella Lisoni condivisa da Sara De Angelis, ha preso corpo in seguito al grande successo di pubblico ottenuto con i precedenti eventi culturali incentrati sulla figura di Pasolini, tenuti in Museo da luglio a dicembre dello scorso anno. Su questa base è sorto il desiderio di calendarizzare gli appuntamenti da proporre all’interno degli spazi museali, con l'augurio di essere sempre all'altezza delle aspettative.

Il taglio sarà quindi lo stesso: la scelta di un linguaggio divulgativo congiuntamente alla presentazione di figure importanti del panorama letterario italiano del Novecento, con il desiderio che il Museo Nazionale Etrusco possa diventare anche un luogo di incontro e di crescita culturale, un salotto per tutta la cittadinanza.

Un'iniziativa culturale legata a libri dalle più diverse tematiche, un modo di diffondere cultura tenendo anche conto delle tante realtà culturali viterbesi. La cultura, infatti, nasce all'interno della relazione, noi non siamo che le nostre parole: animali narranti.

Sarà lo scrittore Antonio Toso Fei, drammaturgo, saggista, giornalista, story teller delle tradizioni veneziane, ad inaugurare la rassegna presentando il suo libro: "Il piede destro di Byron" in dialogo con Rosella Lisoni, venerdì 26 gennaio alle ore 17.00 nella Sala Mezzanino del Museo Nazionale Etrusco di Rocca Albornoz.

Un giallo anomalo, nel quale non mancano elementi magici e tratti storici, un giallo che trascina il lettore in un altrove, in stretto contatto con l'universo onirico dell'autore, con rimandi al mondo dell'eroe byroniano e ai trascorsi amorosi di Lord Byron che a Venezia dimorò a lungo alcuni secoli fa.

Tra le brune della Laguna veneziana, nei misteri della città più bella del mondo sospesa tra terra e acqua, Alessandro Nicoli, giornalista in pensione con piglio da investigatore darà vita alla sua lunga e impegnativa indagine per scoprire cos'è che unisce due omicidi diversi tra loro, un frate omicida e Lord Byron.

Descrizione di un viaggio nel tempo e nella storia, ma soprattutto descrizione di un viaggio intimo alla ricerca di sé.

Questi tutti gli appuntamenti in programma: