Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Civita di Bagnoregio cala il tris sul mercato americano: mostra, accordo con Yale e classifica Vogue

In Provincia
Font

BAGNOREGIO - La delegazione bagnorese è giunta a New York, dove presenzierà al taglio del nastro (lunedì 4 marzo) della mostra Fra Nuvole e Vento. Gente di Civita" di Brian Stanton.

Pin It

Un appuntamento che darà luce e immagine al borgo sospeso (leggi l'articolo di presentazione A New York la mostra "Fra Nuvole e Vento. Gente di Civita" di Brian Stanton) e che permetterà al sindaco Profili di promuovere sempre di più Civita e la valle dei Calanchi.

Oltre alla mostra, infatti, il primo cittadino e la delegazione di Bagnoregio confermerà l'accordo con la Yale University, sulla via tracciata negli anni Settanta dalla professoressa d’architettura, in arrivo dagli States, Astra Zarina. A ottobre furono i rappresentanti della famosa università americana a giungere nella Tuscia (leggi Studenti di architettura dell'Università di Yale al lavoro su Civita di Bagnoregio), ora sono loro ad accogliere gli amministratori in casa.

Un'occasione per mostrare stile e metodi di apprendimento e confermare un accordo che porterà di nuovo gli studenti di architettura per un mese a Civita di Bagnoregio.

Ma il legame con l'America non finsce, è appena uscita su Vogue la lista dei borghi più belli d'Italia, secondo i turisti Usa, e Civita di Bagnoregio è presente, con un ottimo undicesimo posto.

Questa visita nella Grande Mela e la mostra che resterà allestita fino al 15 di maggio al Consolato Generale d’Italia a New York (690 Park Avenue) non potranno che aumentare l'attenzione per Bagnoregio e tutta la Tuscia.

Teresa Pierini