Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Sabatini: "Gli errori del centrosinistra, dal carcere di Mammagialla al canile di Bagnaia"

Viterbo
Font

VITERBO - Giornata dedicata al capoluogo per il candidato alle regionali per Forza Italia Daniele Sabatini. Nella nota la cronaca della sua visita a Mammagialla e poi un commento sulla questione canile comunale.

Pin It

“Mammagialla, troppi detenuti e pochi agenti di polizia penitenziaria. Ho vistato il carcere di Viterbo accompagnato dal segretario provinciale USPP, Danilo Primi, e dal delegato regionale, Daniele Nicastrini, e ho potuto riscontrare il persistere di diverse problematiche su cui mi sono confrontato con il direttore dell’Istituto penitenziario, Pierpaolo D’Andria”.

E’ quanto dichiara il consigliere regionale del Lazio, Daniele Sabatini, candidato nelle liste di Forza Italia alle regionali del 4 marzo.

“Ad oggi gli agenti sono appena 280, tagliati di 70 unità con la nuova pianta organica di novembre 2017, - afferma Sabatini - e non ce la fanno a fronteggiare una popolazione carceraria in soprannumero, peraltro con una forte presenza di soggetti con problemi psichiatrici. Gli agenti lamentano, inoltre, sistemi tecnologici di sicurezza non adeguati e chiedono che siano incrementati: dalle telecamere a infrarossi antievasione sul muro di cinta all’implementazione della videosorveglianza interna nelle sezioni e negli altri ambienti (scale detenuti, corridoi di collegamento vari, colloqui detenuti), fino ai metal detector fissi nei piani primo e terra dei padiglioni detentivi. Anche sul fronte sanità ci sono molte criticità: occorrono più specialisti, medici di guardia e infermieri per assicurare un’assistenza migliore per la salute dei detenuti e per ridurre i trasferimenti nelle strutture esterne di cura, con conseguente maggiore sicurezza. La Regione Lazio può fare molto per migliorare le condizioni di lavoro degli agenti e la qualità della vita della popolazione detenuta. Negli ultimi cinque anni - conclude Sabatini - il governo di centrosinistra non ha garantito la giusta attenzione alle problematiche carcerarie di cui mi farò portavoce chiedendo un intervento della Regione presso l’Amministrazione Penitenziaria, al fine di sopperire alle croniche carenze di organico che costringono gli agenti a turni duri e senza opportune condizioni di sicurezza. Sarà uno dei primi impegni per cui mi batterò in Consiglio regionale”.

Sulla questione canile arriva la tirata d'orecchie all'amministrazione comunale: “Nulla di fatto per il canile di Bagnaia, continua a non essere a norma grazie all’inerzia del Comune di Viterbo. La Asl è stata costretta a concedere l’ennesima proroga per la sopravvivenza della struttura. Ricordo che proprio un anno fa, a febbraio, denunciavo i gravi ritardi dell’amministrazione per la regolarizzazione del canile: grazie ad una mia interrogazione in Consiglio regionale, scoprimmo che il Comune non aveva presentato agli uffici regionali alcun atto utile a superare i vincoli urbanistici e idrogeologici per procedere alla messa a norma del canile. In quell’occasione, sollecitai il Comune ad attivarsi per dare una risposta rapida e concreta che non è arrivata. Cinque anni non sono bastati alla Giunta Michelini-Ciambella per un intervento risolutivo; ora con le elezioni regionali e comunali alle porte non c’è più tempo e, probabilmente, neanche le risorse sufficienti. Siamo di fronte all’ennesimo fallimento del centrosinistra a Viterbo, capace solo di scaricare responsabilità e illudere i cittadini e gli operatori del canile che lavorano con impegno e passione”. E’ quanto dichiara il consigliere regionale del Lazio, Daniele Sabatini, candidato nelle liste di Forza Italia alle regionali del 4 marzo.