Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

"Osteria da Shakespeare & co": torna la cena spettacolo al Podere Porcino

Visto per voi
Font

CIVITELLA D'AGLIANO - Tutto pronto al Podere Porcino, sede del Teatro Null, Officina culturale della Regione Lazio, per la nuova versione dello spettacolo di Gianni Abbate “Osteria da Shakespeare & co”.

Pin It

“Shakespeare parla di cibo in ognuna delle sue opere – spiega il suo ideatore Gianni Abbate –, il tema dell’alimentazione è uno dei più ricorrenti e misteriosi. Un pasticcio può nascondere la vendetta, un banchetto l’amore, un bicchiere di vino gli eccessi della classe politica. I piatti scelti dal drammaturgo non sono mai casuali, ma nascondono importanti metafore che aiutano lo spettatore a comprendere e apprezzare le sue opere. La particolarità della nostra Osteria è che gli spettatori-commensali si trovano immersi in atmosfere e contesti shakespeariani, divenendo così essi stessi parte integrante dello spettacolo. Qualcuno si chiederà ma perché uno spettacolo che si articola intorno a una tavola? Perché attorno a una tavola non si consuma solo un pasto, ma si scambiano anche esperienze, gioie, confidenze”.

Cerchiamo di capire come si svolge lo spettacolo secondo le indicazioni del suo ideatore. Seduti a una tavola "dell’epoca elisabettiana", gli spettatori/commensali vengono serviti di tutto punto, si fa per dire, da personaggi tratti dalle opere del Bardo. I personaggi dell’osteria sono un re Lear che presa lezione dal suo giullare diviene lui stesso giullare per sopravvivere in questo triste mondo, madama Meg Page direttamente da “Le allegre comari di Windsor”, dal piglio energico sembra una femminista ante litteram, Ofelia da “Amleto” che con innocente candore si agira stralunata per l’Osteria e due sicari prezzolati tutto fare, che, oltre a recitare, dialogheranno con gli spettatori che di volta in volta divengono personaggi shakespeariani anch’essi.

A questa nuova edizione partecipano, oltre a Gianni Abbate, Ennio Cuccuini, Ugo Luly, Sabrina Cori e Lorenza Colombi, responsabile delle cucine è Maria Malleier.

Sono ammessi un massimo di 23 spettatori/commensali. La prenotazione è obbligatoria e il costo dello spettacolo con cena è di € 25,00. Sabato 3 novembre ore 20,30 e domenica 4 novembre ore 13,00 presso il Podere Porcino.

Per info e prenotazioni: 3471103270 – iportidellateverina.it