Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Fdi: “Cura Italia, aboliti minimi Inps per autonomi: accolto l’ordine del giorno presentato da Rotelli”

In Citta'
Font

ROMA - Cura Italia: accolto con riformulazione, nel decreto votato venerdì alla Camera, l’ordine del giorno presentato dal deputato di Fratelli d’Italia, Mauro Rotelli. Nello specifico, la richiesta dell’onorevole è mirata agli artigiani e piccoli commercianti.

Pin It

Questo il testo dell'emendamento:

La Camera, premesso che: il decreto-legge n. 18/2020, C. 2463 Governo, approvato dal Senato, reca «Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19. Proroga dei termini per l'adozione di decreti legislativi»;

nello specifico è riconosciuta nel decreto una indennità in favore di alcune categorie di lavoratori con benefici previsti a condizioni determinate per i liberi professionisti (titolari di partita IVA) iscritti alla cosiddetta Gestione separata INPS ed i titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa iscritti alla medesima Gestione oltre che ai lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’INPS (relative agli artigiani, agli esercenti attività commerciali ed ai coltivatori diretti, mezzadri, coloni e imprenditori agricoli professionali);

a tal proposito e al fine di venire incontro alla categoria di lavoratori particolarmente colpita dalla pandemia (artigiani e piccoli commercianti), sarebbe opportuno introdurre, nella disciplina dei trattamenti pensionistici un adeguamento necessario a causa delle profonde trasformazioni ed evoluzioni che il loro settore economico di appartenenza ha registrato nel corso degli ultimi anni, penalizzando pesantemente il libero esercizio delle attività economiche di queste categorie;

si tratterebbe di un adeguamento reso necessario da esigenze, ormai indifferibili, di attenzione nei confronti di un settore vitale della nostra Nazione, come lo è quello dell’artigianato e del commercio, spina dorsale della nostra economia, che ha registrato una progressiva contrazione e versa in uno stato di sofferenza e di difficoltà: impegna il Governo a valutare l’opportunità, per tutto il periodo della durata dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, di disporre l’abolizione dei minimi contributivi pensionistici per gli artigiani ed i commercianti iscritti all’INPS, categorie tra le più colpite dalla pandemia e che rappresentano un patrimonio non solo economico, ma sociale ed identitario nazionale, in grado di incidere in modo significativo, ed in senso migliorativo, sui livelli qualitativi e sul consolida mento delle relazioni sociali nei contesti urbani, anche in quelli più periferici.

Dopo l'approvazione dell'emendamento, che allegerirà notevolmente il peso dei contributi, basandosi sul fatturato, è giunto il plauso di Andrea De Simone.

"Come rappresentanti della piccola e media impresa, non possiamo che considerare positiva l'approvazione da parte della Camera dei deputati della proposta di abolire, per tutta la durata dell'emergenza coronavirus, i minimi contributivi pensionistici per artigiani commercianti iscritti all'INps". Così il segretario provinciale di Confartigianato Imprese di VIterbo, Andrea De Simone, accoglie la novità che rimodula il decreto Cura Italia con una necessaria attenzione a due delle categorie tra le più colpite dalla pandemia, artigiani e piccoli commercianti. 

"Ringraziamo l'onorevole viterbese Mauro Rotelli, che ha sottoposto al Parlamento un emendamento grazie a cui verrà introdotto un adeguamento nella disciplina dei trattamenti pensionistici a vantaggio di settori fortemente in difficoltà" conclude.