Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Pesci di cioccolata per Sant'Andrea: l'Antica Latteria ricorda la tradizione

In Citta'
Font

VITERBO - La tradizione vuole che il 30 novembre di ogni anno in città si festeggi Sant'Andrea Apostolo, umile pescatore della Galilea che morì martire nel 36 d.c. Questa festa ha origini cristiane che si perdono nella notte dei tempi.

Pin It

Fu Sant'Andrea a moltiplicare, miracolosamente, i pochi pesci nelle mani di un bambino per sfamare i più poveri, da qui la tradizione, fra i primi cristiani, di scambiarsi pesci nel giorno della festa del santo, che cade proprio il 30 novembre.

A Viterbo una chiesa è dedicata a Sant'Andrea, di cui prende il nome, nell'antico colle di Pian degli Scherani (Pianoscarano). Gli anziani ricordano che ogni 30 novembre il parroco era solito regalare al vescovo un pesce di pastafrolla. Quest'ultimo propose di fare dono di questi pesci ai bambini che il giorno di Sant'Andrea si recavano alla santa messa. Fu deciso di mettere i pesci di cioccolata, incartati nella stagnola, nella vasca dell'acqua santa.

Con il tempo il pesce di cioccolata è diventato un regalo per i più piccoli, ma anche fidanzati che si scambiano il dolce dono. Soprattutto i bambini aspettano questa festa vedendola come preludio all'arrivo dell'imminente Epifania. Nella notte del 29 ogni bambino lascia infatti sul davanzale della propria finestra un piatto vuoto, nella speranza che Sant'Andrea faccia a loro visita, donando il goloso pesce di cioccolata.
La sorpresa si svela al mattino, quando i bambini corrono al davanzale per vedere se il pesce sia o meno presente nel piatto, e non c'è mai motivo di rimanere delusi.

Oggi la tradizione è ben rappresentata dalle attività artigianali, come L'Antica latteria, storica bottega di Porta della verità, che ogni anno prepara pesci di ogni misura, dal piccolo al grande, incartandolo con le stagnole più belle e colorate, un modo per mantenere viva una tradizione importante in città. Per questo e per tenere viva la memoria la mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. è a disposizione per raccogliere ricordi e pensieri, magari dei nonni, per aggiornare sempre di più la bellissima storia del pesce di Sant'Andrea.

All'Antica latteria sono ovviamente in vendita tutti i tipi di pesce, di cioccolato al latte, fondente, bianco, ed è possibile richiedere personalizzazioni e soprattutto impreziosire il pesce con oggetti e regali da inserire all'interno.

T. P.