Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

La fatina buona fa il miracolo: torna la Carrozza nella notte delle zucche

In Citta'
Font

VITERBO - Sarà la zucca di Hallowween a trasformarsi in carrozza, quella che da troppo tempo è smontata e dimenticata in un magazzino comunale. La favola stavolta prevede un lieto fine... non per Cenerentola ma per la carrozza. L'annuncio oggi, da parte del sindaco Arena e dell'assessore Contardo, durante la conferenza della manifestazione La notte di mezzo.

Pin It

Breve storia triste di una carrozza amatissima in città: era il febbraio del 2014, l'allora assessore alla cultura, Barelli, annunciò che avrebbe omaggiato il museo piacentino del prezioso manufatto, perché, disse, le sue dimensioni offuscavano gli affreschi della Sala della Madonna. Peccato, lo facemmo notare allora all'assessore della giunta Michelini e si vede bene nella foto, che gli affreschi fossero nel corridoio che porta alla sala Regia e non nella stanza occupata dalla carrozza stessa. La sollevazione popolare impedì il trasferimento ma non l'eliminazione alla vista dei viterbesi. Complice una mostra che sarebbe stata organizzata poco dopo, la povera carrozza è stata smontata e riposta in magazzino. Fino al suo ritorno, quattro anni dopo, per cui, pemettetecelo, ci piace ringraziare Contardo e la giunta Arena. 

La storia allegra: è un pezzo di storia viterbese. La carrozza, Settecentesca, fu donata dai Conservatori di Roma alla Magistratura di Viterbo. Venne usata in occasioni solenni da magistrati e notabili, preceduta da una numerosa corte di cappe nere vestite in raso ed oro, staffieri e trombetti e dalla Mazza d’argento, simbolo del potere dei Priori, quella che ogni 2 settembre viene mostrata nel Corteo Storico.

Mazza e carrozza, due oggetti legati indissolubilmente da secoli, per quattro anni lontani. E' finito l'esilio. Sarà poco per qualcuno, ma per un viterbese è molto. Quattro anni fa l'eliminazione fu sentita come una ferita al cuore, un gesto quasi di sfregio, per un oggetto che forse, nell'amministrazione precedente, assumeva un significato magari negativo, inspiegabile nella realtà. 

Giustizia è fatta, Viterbo recupera la sua carrozza, che sarà rimontata il 31 ottobre, per essere esposta nel fouyer del Teatro dell'Unione. In questi giorni stanno già intervenendo i restauratori, mercoledì prossimo dalle 8.30 la ditta incaricata del trasporto la recupererà dal capannone, dove è ferma e imballata da 4 anni, e la rimonterà nel teatro comunale.

Bentornata!

Teresa Pierini