Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Donatella Salvatori (FdI): "La Viterbo che vorrei"

Viterbo
Font

VITERBO – La città che vorrei, può essere questo il sunto del manifesto elettorale di Donatella Salvatori, candidata consigliere comunale con Fratelli d'Italia, a supporto di Giovanni Arena Sindaco.
Una serie di “vorrei” che riassumono il suo sogno, un'intervista particolare, asciutta, diretta, come la candidata, che non sceglie giri di parole ma spiega agli elettori la sua visione.

Pin It

“Vorrei una Viterbo capace di unire giovani, anziani, artigiani, professionisti, imprese, cooperative, sindacati, associazioni, quartieri e territori, scuole e università con l’unico obiettivo di combattere il declino che la nostra città vive.
Vorrei recuperare i giovani Viterbesi costretti a recarsi fuori per lavorare .

Vorrei la riapertura di negozi e attività.

Vorrei che le tensioni sociali sparissero.

Vorrei una città collegata alle altre, a partire da Roma, per rompere l’isolamento in cui siamo.

Vorrei una città che sa attirare turisti e rende vivo il centro, attraverso progetti, ascolto e comunicazione costante fra gli attori coinvolti.

Vorrei unire e non dividere le periferie dal centro storico.

Vorrei una Viterbo ricca di cultura perché la cultura è la vita di una città, penso ad una città che, integrando insieme pubblico e privato, fa della cultura la sua ragione di vita e il suo volano di sviluppo anche turistico e commerciale.

Vorrei una città che si prende cura del suo ambiente, con investimenti mirati e sensibilizzazione dei cittadini sul delicato argomento.

Vorrei una città di diritti e doveri, una città che elimina la burocrazia, dove l’efficientamento della macchina comunale e l’eliminazione degli sprechi consentano di ottimizzare le risorse disponibili e risparmiare.

Non mancano le potenzialità, possiamo cercare le risorse là dove sono presenti, attingendo a fondi europei, ministeriali, regionali e di privati, la nostra città, le nostre frazioni sono ricche di storia, sono a misura d’uomo, hanno un potenziale termale di grosso calibro , basta partire da ciò per tornare a vederle splendere , valorizziamo le nostre risorse e non lasciamo tutto nelle mani di pochi eletti.

Il mio obiettivo: fare scelte chiare, imparare a lavorare tutti insieme nella città e per la città, per affrontare i problemi di oggi guardando al futuro.

Grazie per avermi dedicato cinque minuti del vostro tempo”.

Donatella Salvatori, candidata consigliera comunale Fratelli D’Italia, elezioni amministrative Comune di Viterbo