Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

“I Bemolli sono blu & Viterbo in Musica”: Chopin e il suo tempo con tre pianisti di fama internazionale

Spettacolo
Font

VITERBO - Tre pianisti di fama internazionale saranno di scena, da oggi martedì 22 ottobre a giovedì 24, in altrettanti concerti dedicati a “Chopin e il suo tempo”, in programma per il festival di musica classica “I Bemolli sono blu & Viterbo in musica”, organizzato dall'associazione Muzio Clementi con la direzione artistica del maestro Sandro De Palma.

Pin It

L'appuntamento è sempre nella chiesa del Gesù, nel cuore della Viterbo storica, alle ore 18. Ad aprire la serie di concerti dedicati a Chopin questo pomeriggio, sarà Maurizio Baglini, pianista che vanta una brillante carriera come solista, camerista, didatta e direttore artistico, ambasciatore culturale della Regione Friuli Venezia Giulia. Vincitore di numerosi concorsi, ha effettuato concerti in tutto il mondo. In occasione del concerto di Viterbo di Chopin eseguirà i dodici movimenti sia dell' Études op. 10 che dell'Études op. 25.

Mercoledì 23 ottobre sarà la volta del pianista Sebastiano Mesaglio, giovane talento scelto in collaborazione con l'associazione Mozart Italia. Anche il programma del suo concerto è incentrato su composizioni di Chopin, in particolare le Due Polacche op. 40; la Ballata n. 3 in La bemolle maggiore op. 47; i Due Notturni op. 48:e la Barcarola in Fa diesis maggiore op. 60.

Molto impegnativo il programma del concerto di giovedì 24 ottobre che avrà come protagonista il pianista Francesco Libetta, un artista virtuoso tra i più acclamati del mondo, definito dal New York Times "Aristocratico poeta della tastiera con il profilo e il portamento di un principe rinascimentale", per la prima volta a Viterbo. Il concerto, ispirato sempre alla musica di Chopin, prevede l'esecuzione di brani musicali di Józef Elsner, Ferdinand Hiller,Joseph Christoph Kessler, oltre, ovviamente, a composizioni dello stesso Chopin.

La manifestazione musicale “I Bemolli sono blu” 2019 ha il sostegno della Regione Lazio e della Fondazione Carivit e si svolge in collaborazione con l’Università degli Studi della Tuscia, le Terme dei Papi e il Touring Club Italia sezione di Viterbo, con il patrocinio del Comune di Viterbo e l’appoggio tecnico di Carramusa Group, Alfonsi Pianoforti, Balletti Park Hotel, Amici di Bagnaia e il Ristorante Il Borgo di Bagnaia (www.associazioneclementi.org).