Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

A Civita Luogo del Pensare “lo psicologo del papa” Salvo Noè

Libri
Font

BAGNOREGIO - Salvo Noè, conosciuto al grande pubblico come “lo psicologo del papa”, a Civita Luogo del Pensare. L’appuntamento è per venerdì 11 agosto alle ore 21 in piazza San Donato, nel cuore del borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi.

Pin It

Noè racconterà al pubblico presente il suo ultimo libro ‘La paura come dono’, nato da un pomeriggio di dialogo tra lo stesso psicoterapeuta e papa Francesco. Ne è venuto fuori un qualcosa di straordinario, dove si incontrano la pacatezza e l’abilità del linguaggio di Bergoglio con le conoscenze e capacità di lettura di Noè.

Il Pontefice racconta pensieri, timori e sensazioni in questi anni di pontificato, a partire dall'elezione al Conclave. Poi riflette su temi come l'accoglienza dei migranti e delle persone omosessuali, il carrierismo, la formazione nei seminari e la prevenzione degli abusi. Infine rivela: "Anch'io a volte temo di sbagliare, ma la paura eccessiva non è cristiana".

“Delle volte sì, quando devo prendere una decisione, mi dico: ‘Se faccio questo così...?’. È un po’ paura di sbagliare no?! E la paura in questo caso mi aiuta, perché mi porta a soppesare bene le decisioni da prendere, come farlo e tutto il resto. Non è la paura che mi annienta, no no... È un sentimento che mi rende attento: la paura è come una madre che ti avvisa”. Queste le parole del pontefice.

“La paura eccessiva è un atteggiamento che ci fa male, ci indebolisce, ci rimpicciolisce, ci paralizza – continua Bergoglio -. Tanto che una persona schiava della paura non si muove, non sa cosa fare: è timorosa, concentrata su se stessa in attesa che succeda qualcosa di brutto. Dunque la paura porta a un atteggiamento che paralizza. La paura eccessiva, infatti, non è un atteggiamento cristiano, ma è un atteggiamento, possiamo dire, di un’anima incarcerata, senza libertà, che non ha libertà di guardare avanti, di creare qualcosa, di fare del bene”.

Noè studia da oltre 25 anni l’essere umano e il suo comportamento. Lo citano come “lo psicologo del papa”, per via della sua amicizia con papa Francesco. Partecipa come ospite a programmi radiofonici e televisivi che si occupano di salute e benessere. E’ definito il “cardiologo della mente” perché lavora con il cuore.

Tutte le informazioni sul festival su www.civitaluogodelpensare.it