Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Teatro in famiglia al Falk: Elliot e la nonna portano il mondo dell'impossibile sul palco con "Streghe"

Teatro e Cinema
Font

TARQUINIA - Nell’ambito della rassegna A teatro in famiglia, "Streghe" di Progetto g.g. con Consuelo Ghiretti e Francesca Grisenti, scenografie Donatello Galloni e pupazzi e decorazioni di Ilaria Comisso, arriva sabato 3 febbraio ore 17 al Teatro Comunale Rossella Falk grazie alla collaborazione tra il Comune di Tarquinia e ATCL circuito multidisciplinare del Lazio, sostenuto da MIC – Ministero della Cultura e Regione Lazio.

Pin It

Uno spettacolo liberamente ispirato all’opera letteraria di R. Dahl che attraverso il teatro di narrazione e quello di figura guarda all’impossibile, ed esplora alcune tematiche fondamentali dell’infanzia: l’incontro con le paure, il loro riconoscimento e la possibilità di superarle, di trovare soluzioni e farsi coraggio; ma anche la forza del fare, l’istinto del creare, il diventare grandi sapendosi trasformare, accettandosi e diventando, perché no, dei piccoli eroi.

Protagonisti sono la Nonna e Elliot, prima bambino e poi topo a causa dell’incantesimo della Strega Suprema, la strega più terribile di tutte.
Questa è una storia in cui l’impossibile accade. Un gioco tra una nonna e un bambino, che diventa realtà. C’è una nonna che si muove tra magia e verità. C’è un piccolo eroe che guarda al possibile e oltre, che cambia “ciò che è”, e apre a un mondo nuovo.

"La storia ci ha portato a guardare al rapporto speciale tra questa nonna e il suo nipotino. Perché è dentro a questo rapporto che vivono le streghe. Nelle parole della nonna che le racconta. Negli occhi attenti di un bambino che ci crede. Che fidandosi cresce. Un rapporto completo che porta a un rovesciamento dei ruoli nella seconda parte della storia, quando il bambino insegnerà alla nonna che tutto è possibile. E partirà per la sua avventura. Come è giusto che sia. Il nostro protagonista è un bambino, che dall’incontro con il cattivo, imparerà a crescere. Prendendo un’altra forma non lascerà la sua natura, ma accetterà il cambiamento, la trasformazione radicale, la accoglierà e la saprà fare sua, diventando così davvero straordinario. Unico e speciale, pronto per affrontare il suo viaggio. E tornare vittorioso. Un eroe fuori dagli schemi, ma indubbiamente un eroe. Un eroe che non romperà l’incantesimo del cattivo. Non un Pinocchio che finalmente diventa 'un bambino normale', ma un essere speciale capace di riconoscersi anche nella sua nuova 'pelle di topo', e che proprio grazie a questo troverà la forza e il coraggio per vincere le streghe e arrivare alla fine della sua avventura. La nonna è l’altra protagonista di questo racconto. Una nonna speciale, come lo sono tutte le nonne. Una presenza sicura che sprona, diverte, accoglie, pretende e sa anche dire no. Per noi lo spettacolo sarà anche la storia d’amore tra questo bimbo e sua nonna" racconta la compagnia.

Streghe
di Progetto g.g.
con Consuelo Ghiretti e Francesca Grisenti
scenografie Donatello Galloni
pupazzi e decorazioni Ilaria Comisso
musiche Claudio Poldo Parrino
costumi Patrizia Caggiati
occhio esterno Elena Gaffuri
produzione Accademia Perduta/Romagna Teatri
organizzazione Linda Eroli
realizzato in residenza presso il Teatro alla Corte di Giarola (Parma) grazie all’accoglienza di Uot

Teatro Comunale Rossella Falk
Piazza Cavour 16 - Tarquinia

Biglietto unico 5 euro
Prevendita
Infopoint - Barriera San Giusto, Sala capitolare degli agostiniani
info: 0766.849282 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Il botteghino del teatro sarà aperto 1 ora prima dello spettacolo
Biglietti in vendita su www.bigliettoveloce.it

www.atcllazio.it