Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

"Coltivo una rosa bianca": Dark Side e Campo delle Rose ancora insieme

In Provincia
Font

MONTEFIASCONE - Prosegue il sodalizio artistico tra la musica dei Dark Side e il Campo delle rose: stasera nuovo appuntamento con "Coltivo una rosa bianca", concerto evento a sostegno del completamento del centro che ospiterà persone affette da autismo in situazioni di gravità.

Pin It

Sarà piazza Urbano V (piazza delle rocca) a Montefiascone ad accogliere tra poco il pubblico che assisterà allo spettacolo a partire dalle 19, con Daniela Turchetti e Riccardo Notazio, Bossa nova Chitarra e Voce.

Il tempo di gustare qualcosa al food point gestito dall'Enoteca provinciale Tuscia, anche con stand birre artigianali, e dalle 20.30 tornerà lo spettacolo, prima con la presentazione del progetto grazie ai responsabili del Campo delle Rose ma anche di partner storici come le associazioni Lux Rosae e Avis, Montefiascone e Viterbo (l'evento è patrocinato anche dal Sodalizio Facchini di Santa Rosa e ovviamente dal Comune di Montefiascone).

Dalle 21 musica, con il concerto dei Dark Side (Pierangelo Mezzabarba, Daniele Michelacci, Augusto Galli e Marco Berni) preceduti dalla perfomance di Melissa Biondi, sarà inoltre ospite Marcello Balena al sassofono.

Per info e prevendita: Sara 3932739906, biglietto intero 20 euro, ridotto 10.

La loro precedente apparizione, sempre uniti, sempre con l'obiettivo solidale di sostenere il Campo delle Rose, fu a maggio, al Teatro Unione.

Quella sera a raccontare l'importanza della struttura in corso di costruzione tra Montefiascone e Marta, su un lembo di territorio del Comune di Viterbo, fu Franca Sassara, mamma di Gabriele ed Andrea: "Sono mamma di un ragazzo autistico, ad oggi siamo senza risposte adeguate sul territorio, come lui in molti sono fuori regione e il distacco è molto doloroso. Per volontà di mio marito è nato il Campo delle rose - ha spiegato emozionata dal palco - una casa per dare accoglienza anche a nostro figlio, lontano da 13 anni. Un sogno che accoglierà personale qualificato e preparato in una tenuta di 22 ettari, mezzo già coltivato a roseto, una struttura di 1.200 metri disponibili, una parte residenziale per il Dopo di noi.

Tutto è a disposizione a titolo gratuito e la quota degli utenti non sarà per l'affitto ma per dare a loro la miglior assistenza possibile - ha concluso -. Ogni centesimo donato è per i nostri ragazzi, siamo api operaie, abituate al sacrificio per far tornare, prima o poi, questi 32 ragazzi a Viterbo".

Una realtà bella, da vedere e da vivere, ma soprattutto comoda e adatta alle problematiche di chi ospiterà, come sottolineato dalla presidente della Fondazione Campo delle rose, Maria  Bonifazio: "Già viviamo il giardino con i nostri ragazzi ancora in famiglia e i risultati ci dimostrano quanto sia terapeutico, perché permette loro di operare con i propri tempi. Il Campo è il nostro sogno che sta per trasformarsi in realtà, ora finalmente intravediamo il traguardo".

Al loro fianco le associazioni viterbesi che saranno oggi a Montefiascone e una realtà imprenditoriale, Il Richiastro, rappresentata da Emanuele Fioretti, per una donazione. "Grazie per quello che fate e ci auguriamo che presto tutto questo diventerà una bellissima realtà - ha sottolineato Fioretti donando l'assegno da 1.100 euro -. La nostra azienda ogni anno pubblica un calendario e quest'anno il ricavato è per voi".

Un pensiero importante seguito da quello sostanzioso che concldue il quadriennio 2019/23 di Centesimiamo, la raccolta fondi realizzata da Lux Rosae, Avis Viterbo e Sodalizio Facchini di Santa Rosa. Una raccolta che ha attraversato anche il periodo della pandemia e che oggi finalmente vede un punto: la consegna di 12 mila e 8 euro, che serviranno, come ricordato da Rodolfo Valentino, Luigi Mechelli e Massimo Mecarini ad aiutare nella chiusura dei cantieri e il ritorno a casa dei "nostri" ragazzi.

La raccolta è così ripartita per la terza volta, con il centesimo d'oro "di rappresentanza", inserito dal sindaco Chiara Frontini insieme a Franca Sassara. La brocca è destinata alla Casa di Santa Rosa e verrà spostata in modo itinerante nelle varie iniziative solidali, specie quelle che a breve coinvolgeranno i festeggiamenti dedicati alla Santa Patrona viterbese.

Parole e poi musica, tanta, immortale come quella dei Pink Floyd, magicamente proposta dalla band di Pierangello Mezzabarba, che ha visto ospiti la cantante Melissa Biondi, mentre parti del concerto sono stati condivisi alla chitarra da Lorenzo Cantarini, che ha proposto assoli e cantato alcuni brani. Presente, anche a teatro, Marcello Balena al sax (foto concerto Teatro viterbese).

"Musica che sa di immenso e di immensità" è stato ricordato all'Unione, e altrettanto sarà stasera, sotto le stelle del Colle Falisco, facendo un nuovo passo in avanti per aprire la porta del Campo delle Rose a decine di ragazzi che attualmente vivono ad Arezzo, davvero troppo lontano dai propri affetti.

Teresa Pierini