Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Emozione e tanti ospiti illustri per premiare i migliori studenti bagnaioli nel nome della "Gina"

In Citta'
Font

VITERBO - Un "parterre da rois" di grande livello amministrativo per ricordare la figura della farmacista Luigia Blasi, la sua professionalità, la sua devozione, nel giorno in cui si assegna, come da tradizione, la borsa di studio a lei dedicata, giunta alla terza edizione.

Pin It

Tre ex sindaci, Giancarlo Gabbianelli, Giulio Marini e Giuseppe Fioroni, quest'ultimo ospite d'onore in qualità di ex ministro dell'istruzione, gli ultimi due anche ex parlamentari, Luisa Ciambella, già vice sindaco ed oggi consigliere comunale, come peraltro Marini; due ex presidenti di circorscrizione e tre ex consigliee comunali, Antonio Scardozzi, Elisa Cepparotti e Attilio Falci, figlio della farmacista che ha servito per decenni la popolazione bagnaiola.

E' Attilio che, carico come sempre d'emozione, accoglie gli studenti della scuola Media Ghinucci di Bagnaia, i cui migliori 4 allievi sono convocati per ricevere la borsa di studio da 400 euro, valida per acquisti di libri e materiali utili al primo anno di scuola superiore.

Dopo aver ringraziato i presenti, famiglie ed ospiti e soprattutto la dirigente scolastica e le insegnanti si dedica ai ragazzi: "Ringraziate chi vi forma nello spirito per affrontare il futuro. Non ascoltate chi dice che con la cultura non si mangia, mia mamma sosteneva che la cultura fa mangiare con la testa, il cuore e lo spirito - ha salutato, passando poi a tutti i presenti -. Tutti qui avete conosciuto la Gina con il camice bianco ma io ho avuto l'onore di lavorarci a fianco ed imparare molto, anche come figlio, e approfitto per ringraziare anche il personale della famacia e mio fratello Danilo, insostituibile.

Mamma ha avuto sempre un sorriso e una parola gentile con tutti, mentre io spesso mi sono scontrato con lei ed ogni scontro mi ha visto sempre sconfitto, cosa che oggi ritengo un onore. Ho visto che altre famiglie di Bagnaia hanno pensato a borse di studio per ricordare i propri cari, parlo dei Colonna e Morelli, dedicate a scuole viterbesi, questa è la strada giusta.

Come ultima cosa vi voglio raccontare più la mamma che la dottoressa Gina. Quando ha compiuto 50 anni, nel 1990, andammo insieme a Cagliari per vedere la partita, tornando in volo verso Roma. Non eravamo vicini, quindi uscii dall'aereo ma lei non c'era più, sembrava scomparsa. Le hostess dicevano che tutti erano scesi ma andrammo a vedere lo stesso sull'aereo. Ve la ricordate quanto era alta? Ecco, immaginatela in ultima fila, dietro la poltrona, mentre parlava tranquillamente con Amanda Lear. Non si era accorta che eravamo atterrati".

Un racconto umano, che ogni anno si arricchisce di aneddoti particolari, conosciuti solo in famiglia, prima di lasciare spazio all'on. Fioroni, anche lui pronto a ricordarla: "Negli anni '90 ero sindaco e il farmacista era un'autorità, specie nelle frazioni, dove le persone la identificavano con il ruolo stesso. Parlando con lei era facile sapere come giravano le cose. Un'antesignana dei servizi da offrire ai clienti e pazienti in farmacia, in grado di fidelizzare il rapporto con quanto poteva aggiungere. Ricordare una persona con una borsa di studio è aprire un ponte al futuro, che sarà realizzato con le capacità e la determinazione di questi ragazzi. In questa strana società che abbiamo, quello che vale è il merito, complimenti a chi ha vinto".

Ed eccoli, i quattro migliori dell'anno scolastico 2023/24 delle classi terze della media Ghinucci di Bagnaia, due ragazzi e due ragazze, premiate da Fioroni e dai rappresentanti del Club Cagliari Viterbo.

Lorenzo Micci, Vanessa Dzitac, Roberto Brinzila e Alessia Erasmi, sono loro come annunciato a ricevere pergamena e assegno e soprattutto tanti applausi da familiari ed amici presenti.

Teresa Pierini e Anselmo Cianchi