Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Tamponi rapidi medico di famiglia: dal Comune i locali di via Buon Pastore

In Citta'
Font

VITERBO - Tamponi rapidi, il Comune di Viterbo mette a disposizione dei medici di medicina generale i locali di proprietà comunale di via Buon Pastore. Da subito.

Pin It

A comunicarlo è il sindaco Giovanni Maria Arena, a seguito dell'incontro avuto con il presidente dell'ordine dei medici di Viterbo Antonio Maria Lanzetti e con uno spirito di collaborazione tra Comune, Regione, Asl e medici di medicina generale.

"Da un paio di settimane i medici di base sono autorizzati a effettuare tamponi rapidi ai propri pazienti - spiega il sindaco -. Gli stessi medici, in molti casi, hanno però evidenziato delle oggettive difficoltà riguardanti l'impossibilità di poter garantire il rispetto delle misure di sicurezza, sia per loro, sia per i loro pazienti. I loro ambulatori non risultano idonei per questo tipo di attività. O per le ridotte dimensioni degli spazi che non consentono un adeguato distanziamento personale, tra medico e paziente o tra gli stessi pazienti, o per le modalità di ingresso e di uscita dagli stessi ambulatori.

Insomma, non sono compatibili con le recenti normative antiCovid - aggiunge il sindaco Arena -. I locali che mettiamo a disposizione, come ho già detto al presidente Lanzetti - erano già pronti per essere destinati all'attività sanitaria della Asl. Sono spazi idonei a garantire sicurezza a medici e pazienti, compatibili con i protocolli antiCovid. Sono immediatamente disponibili. Tutti i giorni. Negli orari che verranno concordati tra la Asl e gli stessi medici di medicina generale, che a rotazione potranno usufruire di tali locali, esclusivamente dedicati ai tamponi rapidi sulle persone che ne avranno necessità".