Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Quando i retroscena fanno male alla politica e alla città

In Citta'
Font

VITERBO - Parte davvero col piede sbagliato, paradossalmente senza nemmeno partire, la maggioranza a Palazzo dei Priori, e nessuno è escluso dalla critica. Sono giorni ormai che la città attende una giunta, che dovrà essere presentata entro 20 giorni dalla vittoria alle elezioni, contestualmente alla convocazione del primo consiglio. Il tempo stringe e per ora l'unica cosa che sono stati in grado di produrre sono state chiacchiere sotto banco.

Pin It

Gira un foglietto con la lista delle deleghe, ma non è ufficiale, resta quindi come proposta del sindaco, che per legge le assegna, senza alcuna ufficialità, ma finisce alla stampa, nonostante non abbia alcun valore. Dal sindaco nessun commento, rimane chiuso in attesa, ma intanto intorno a lui sono in tanti a darsi da fare per alzare la polvere. Questa non è politica, è confusione.

Sbirciando le deleghe, e sottolineo sbirciando visto che esattamente come in passato si continua a parlare solo con giornalisti-barra-amici (di barelliana memoria) esce questa lista: per la Lega, Enrico Maria Contardo, che oltre al ruolo di vice sindaco avrebbe Bilancio, Tributi, Ambiente, Igiene urbana, Verde pubblico e Illuminazione pubblica, e Claudia Nunzi, Termalismo, Polizia locale, Protezione civile, Politiche sicurezza, Agricoltura, Servizi informatici; a Fratelli d'Italia altri due assessorati, Claudio Ubertini, Urbanistica, Edilizia pubblica e privata, e Laura Allegrini, Cultura, Turismo, Spettacoli, Grandi eventi; Forza Italia sceglie i primi due eletti, Elpidio Micci, Lavori pubblici, Decentramento, Viabilità e Mobilità urbana e Antonella Sberna, Servizi sociali, Politiche giovanili, Servizi cimiteriali; infine per la lista Fondazione Paolo Barbieri a Sviluppo economico, Attività produttive e Col, Servizi demografici, Patrimonio.

Dalle lamentele che circolano mancherebbero una serie di deleghe, al momento in pectore dal sindaco Arena, che gli alleati vedono a rischio per la possibile assegnazione ai consiglieri, che diventerebbero delegati, pur non assessori, magari tutti scelti tra Forza Italia.

Da Palazzo dei priori nessun commento ufficiale, mentre la Lega ha convocato per oggi alle 17 una conferenza stampa fuori dal Comune, nel senso che si svolge proprio in un'attività commerciale, dove il senatore Fusco e il consigliere Contardo spiegheranno la propria posizione. Sarà il rifiuto alle deleghe? Non resta che attendere, ma che non si attenda poi troppo perché la città non merita in alcun modo questo "spettacolo", che porta solo veleni e malumori, dando una pessima immagine della politica.

Teresa Pierini