Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

La città rinnova il voto alla Madonna Liberatrice: domani messa solenne e processione

In Citta'
Font

VITERBO - Torna il tradizionale appuntamento con la manifestazione cittadina in onore della Madonna Liberatrice. Domenica 27 maggio alle ore 18,00, dopo l’intervento di saluto del sindaco Leonardo Michelini, partirà da piazza del Plebiscito la processione del Voto del Comune e del Popolo di Viterbo.

Pin It

La grande partecipazione degli altri anni e il fermento per l’attesa delle celebrazioni di domenica testimoniano, ancora una volta, il saldo intreccio tra la vita ordinaria dei cittadini e la loro devota preghiera davanti all’immagine della Madonna Liberatrice nel suo santuario della Trinità.

Per la prima volta nella storia, il Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa parteciperà con una folta rappresentanza a questa sentita celebrazione religiosa. Padre Rocco Ronzani, priore degli Agostiniani, ha voluto invitare i facchini in virtù del loro forte legame con la Madonna, dimostrato anche il pomeriggio del 3 settembre con il canto Mira il tuo Popolo, durante il giro delle sette chiese.

“Il canto nella basilica della Trinità è uno degli eventi più seguiti e partecipati di quelle giornate di festa; è per noi un grande onore partecipare alla processione e ringraziamo padre Rocco per aver compreso la devozione che ci lega alla Madonna Liberatrice e l’importanza che la sua protezione ha per ognuno di noi”, questo il pensiero di Massimo Mecarini, presidente del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa.

A queste parole fanno eco quelle del primo cittadino Michelini: “La processione della Madonna Liberatrice è una delle manifestazioni religiose che esprime maggior senso di comunità a Viterbo. Il fatto di riconfermare ogni anno i voti di solidarietà sociale e di conciliazione civica è infatti un aspetto che travalica la religione, finendo per affondare le sue radici nell’interezza della persona e nella sua quotidianità. Invito tutti a prendere parte a questa antichissima processione, per vivere insieme un’esperienza di unità e condivisione”.

Alla processione parteciperà anche una folta delegazione del Gruppo Alpini Viterbo.

Al mattino, alle 11.30, sarà celebrata una messa solenne.