Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Nastro tricolore e lo stato maggiore della Lega: Martina Tosoni riparte dalla sede elettorale

Provincia
Font

TARQUINIA - Accende i motori in anticipo Martina Tosoni e nel fine settimana in cui la città vota per il rinnovo del consiglio dell'Università agraria lancia ufficialmente la sua candidatura a sindaco della cittadina etrusca, e sarebbe la prima donna della storia, aprendo la sede elettorale, a due passi dalla scuola che ospita il seggio, che, curiosità, negli anni '60 fu ufficio di un altro sindaco cittadino, l'ing. Bonifazi, proprietario dei locali di viale Bruschi Falgari n. 5.

Pin It

Al taglio del nastro erano presenti l’onorevole Mario Abbruzzese e l’europarlamentare Anna Cinzia Bonfrisco, entrambi candidati alle Europee per la Lega, con cui condivideranno la data delle amministrative dell'8 e 9 giugno prossimi. 

Presenti molti cittadini, amici, simpatizzanti ma anche curiosi giunti per ascoltare le sue proposte.

In sala, a dare supporto i vertici provinciali della Lega, Fabio Bartolacci, sindaco di Tuscania, e Andrea Micci, consigliere comunale di Viterbo.

Una sfida elettorale importante per la cittadina etrusca, che dimostra fin da ora quanto interesse ci sarà a livello nazionale, anche per raccontare e raccontarsi ai propri elettori, così come ha fatto Abbruzzese: "Siamo tutti uomini e donne del territorio, che si stia in Europa o in un Comune vanno sempre ascoltati i cittadini. Anzi, è molto importante la catena di collegamento tra residenti, che parlano con il sindaco e possono confrontarsi con un parlamentare europeo. Convinciamoci che Tarquinia potrà vedere Martina Tosoni vincere queste elezioni, torneremo presto per stare dalla parte di chi non fa il salto della quaglia".

Posizione condivisa anche dalla Bonfrisco: "Dalle cose piccole alle grandi tutto è possibile, per noi Martina è la signora Thatcher, che iniziò dalle amministrative e disse 'Se vuoi che una cosa venga detta, dillo ad un uomo. Se vuoi che una cosa venga fatta, dilla ad una donna'. Qui avremo una lista appoggiata dai partiti più illuminati e ci siamo perché Martina possa essere la prima donna sindaco di Tarquinia - ha precisato passando poi all'argomento Europa -: in questi 5 anni a Bruxelles abbiamo difeso la nostra storia più bella, la cultura che nasce dalla terra, il cibo, argomenti molto sentiti nella Tuscia".

Riceve complimenti e ringrazia Martina Tosoni, che saluta ricordando: "Questa è una festa tra amici, che mi accompagnano da sempre, prima nella lista civica di Pietro Mencarini, che mi è sempre vicino - e si commuove, ndr - e poi nella Lega, che ringrazio per la presenza odierna".

Per Fabio Bartolacci: "Martina ha tutte le qualità per essere un ottimo sindaco, quello della politica del rinnovamento pur nella continuità del suo impegno che già conosciamo" mentre Andrea Micci sceglie di parlare della persona: "Nel 2018 ho conosciuto una ragazza splendida, carica di energia positiva, simpatica e molto preparata. Sono certo che i prossimi 5 anni ti impegnerai molto per Tarquinia e i suoi cittadini".

E ancora Matteo Costa: "Martina la conosciamo, è una persona del popolo e le piace stare in contatto con le persone, testarda ma nel modo giusto, quando individua un obiettivo va dritta alla fine, saremo al tuo fianco fino alla vittoria".

E' il momento della candidata e padrona di casa di una sede elettorale nata come luogo dove confrontarsi ma anche aderire al suo comitato elettorale: "Questo percorso nasce per ricostruire una generazione politica, puntando ai giovani a cui in questi anni sono state tarpate le ali, noi ascoltiamo questi ragazzi. Si vota per L'Università Agraria ma ho deciso di puntare alle amministrative e non mi sono espressa su queste, anche se abbiamo nella lista di Giovanni Marchetti due nostri, Ascenzio Benedetti e Sabrina Gelli, la nostra scelta è caduta su un imprenditore agricolo, umile e capace - ha ricordato Martina Tosoni, passando poi alle priorità amministrative -. La prima cosa che farò sarà aprire l'anello, è necessario pensare ad una modifica, perché abbiamo approvato un disciplinare che era sperimentale e come tale andava considerato, il cambiamento è una forma di intelligenza e in questo caso ridarà ossigeno al centro storico. Poi metteremo mano al regolamento per le troupe, pensandolo in modo meno restrittivo ma anche ad esigenze importanti come il cimitero, dove sono esauriti i posti, ma i cittadini devono scegliere tra tumulazione o cremazione, non vivere un'imposizione. Poi San Giorgio e Tarquinia lido, con un regolamento pensato con gli operatori, abbiamo un litorale bellissimo, poco urbanizzato ma serve un  piano strategico - ha concluso strappando applausi tra i presenti - e ancora cultura, eventi, ambiente e agricoltura. Riporteremo Tarquinia ovunque".

In sala anche una delle persone più care, nonna Diana, che viaggia verso il centesimo compleanno, il prossimo ottobre, che Martina Tosoni si augura di omaggiare con la fascia da sindaco.

Teresa Pierini e Anselmo Cianchi