Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

"Oltre i muri": Ance Viterbo e Scuola edile insieme a Mammagialla per la sicurezza

Viterbo
Font

VITERBO -  L'Associazione Nazionale Costruttori Edili (Ance Viterbo), in collaborazione con la Scuola Edile, ha recentemente concluso con successo il secondo percorso formativo sulla sicurezza sul lavoro destinato ai detenuti della casa circondariale di Viterbo.

Pin It

Questa iniziativa non solo mette in luce l'impegno del settore edile verso un tema fondamentale, ma dimostra anche come possa contribuire significativamente al benessere e alla riabilitazione della comunità. Il percorso, sostenuto integralmente da Ance Viterbo, rappresenta un passo avanti nella promozione della sicurezza sul luogo di lavoro e offre preziose opportunità formative a individui che cercano di reinserirsi nella società (nella foto abio Turco, Scuola Edile, Patrizia Meacci, educatrice carceraria, Anna Maria Dello Preite, direttrice casa circondariale e Andrea Belli, presidente Ance Viterbo).

Durante il corso, i detenuti hanno affrontato lezioni pratiche e teoriche incentrate sulla sicurezza nei cantieri edili, come l'uso corretto degli strumenti, la gestione dei materiali pericolosi e le procedure di emergenza. Il coinvolgimento attivo dei partecipanti ha contribuito a creare un ambiente educativo stimolante e collaborativo.

"Siamo orgogliosi di sostenere progetti in grado di favorire la crescita personale e la sicurezza sul lavoro, in particolare nel settore dell'edilizia - dichiara Andrea Belli, presidente di Ance Viterbo - La collaborazione con la Scuola Edile è un esempio concreto di come il settore edile possa essere un agente di cambiamento positivo nella comunità".

"L'iniziativa è stata destinata ai detenuti prossimi alla scarcerazione - aggiunge Anna Maria Dello Preite, direttrice della casa circondariale di Viterbo - e si inserisce nell'ambito dei progetti finalizzati a facilitarne il rientro nella società. L'attestato di partecipazione conseguito al termine del percorso formativo consentirà loro di affacciarsi al mondo del lavoro con maggiore fiducia".

In conclusione, il successo di questi corsi sulla sicurezza evidenzia il potenziale della collaborazione tra il settore edile e le istituzioni locali nel contribuire alla formazione professionale e al reinserimento sociale. Una dimostrazione tangibile di come il comparto delle costruzioni possa essere un motore di cambiamento nella costruzione di un futuro più sicuro e solidale per tutti.