Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Le Scarpette rosse in ceramica per dire no alla violenza sulle donne in primo piano su Unomattina

Viterbo
Font

VITERBO - Scarpette Rosse in ceramica, le creazioni dell’artigianato artistico contro la violenza sulle donne in primo piano a Unomattina.

Pin It

La trasmissione su Raiuno stamattina ha dato ampio spazio alla giornata del 25, mettendo in evidenza il lavoro svolto dalle ceramiste della CNA di Viterbo, esposte nel corso della trasmissione in rappresentanza di tutte le Città della Ceramica d’Italia.

“Quando ci è stato chiesto di portare le Scarpette rosse negli studi di Unomattina – dice Luigia Melaragni, segretaria della CNA di Viterbo e Civitavecchia – ci siamo subito messi a disposizione. Da tempo ormai insieme ad Aicc (Associazione Italiana Città della Ceramica) e Comune di Viterbo stiamo cercando di sensibilizzare su un problema che sta diventando sempre più grave e quelle di oggi e domani sono altre occasioni per dare il nostro contributo”.

Domani, in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, toccherà infatti a un’altra esposizione, quella che interesserà il ponte del duomo e via San Lorenzo lungo il tratto da piazza della Morte fino alla stessa piazza San Lorenzo. Un’iniziativa proposta dalle ceramiste con l’obiettivo di gettare un ponte sulla violenza. Questa dimostrazione artistica non solo abbraccia l’idea di superare divisioni, ma rappresenta anche un simbolo tangibile di incontro, rispetto reciproco e speranza per un futuro migliore. L’allestimento sul ponte mira a diffondere e coinvolgere maggiormente la comunità, portando il messaggio nelle strade della città.

Saranno presenti con le loro opere: il Liceo Artistico “Francesco Orioli” di Viterbo coordinato dalla Professoressa Cinzia Pace, Cinzia Chiulli di Percorsi Artistici, Claudia Di Mario dell’Atelier Immaginar(Io), Daniela Lai della Bottega d’Arte, Daniela Lombardo di Creazioni Daniela, Elena Urbani di Lab33, il Laboratorio di ceramica del Centro Culturale La Caterinaccia, il Laboratorio di Ceramica Estromania della Cooperativa Sociale Agatos, Lucia Maria Arena dell’Antica Legatoria Viali, Officina d’Arte San Lorenzo, Roberta Pietrini di O.B.B e Sandra Constantini.

L’evento sarà inaugurato alle ore 11 presso il ponte del Duomo, sarà l’occasione per un momento di saluto e di riflessioni da parte delle istituzioni locali che avranno il piacere di essere presenti.
Il momento sarà allietato dall’esibizione dei talentuosi ragazzi della scuola di musica Ars Nova, coordinati dal Maestro Luca Tomarchio.

Per questa edizione, con la collaborazione del Liceo Artistico Francesco Orioli e la straordinaria sensibilità della dirigente Simonetta Pachella, recentemente scomparsa, è stata organizzata la distribuzione di targhe in ceramica raffiguranti il 1522, il numero antiviolenza e antistalking,  realizzate dagli studenti. L’interno ricavato sarà devoluto al Centro Antiviolenza Penelope di Viterbo.