Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Storico accordo tra le Camere di Commercio di Roma e di Rieti-Viterbo: più bandi, progetti e investimenti

Viterbo
Font

VITERBO - Bandi, progetti e opportunità di sviluppo le imprese del Reatino e della Tuscia.

Pin It

Questo l’obiettivo dello storico accordo di collaborazione istituzionale tra la Camera di Commercio Rieti-Viterbo e quella di Roma deliberato oggi durante la seduta della giunta camerale dell’Alto Lazio alla presenza in via straordinaria del presidente della Camera di Commercio di Roma Lorenzo Tagliavanti, del Segretario generale dell’Ente, Pietro Abate, e di una rappresentanza della Giunta dell'ente capitolino.

Oltre ad una unità di intenti molto forte, l'accordo prevede anche un'importante e fattiva collaborazione sul fronte delle attività promozionali, dei bandi a favore delle imprese e della partecipazione a manifestazioni fieristiche.

“Questo storico accordo permetterà alle imprese delle province di Rieti e di Viterbo di accedere a molti e più importanti progetti ed opportunità di sviluppo. – ha dichiarato il Presidente della Camera di Commercio di Rieti-Viterbo, Domenico Merlani – Una importante boccata d’ossigeno per sostenere in maniera concreta la ripresa economica”.

Per il Presidente della Camera di Commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti, “l'accordo di oggi e' la formalizzazione di un importante percorso di reciproco interscambio avviato da tempo”. “Si tratta – ha aggiunto - di uno strumento agile ed innovativo che andra' sicuramente a potenziare in modo concreto lo sviluppo del tessuto imprenditoriale tutto”.