Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Successo per il convegno sul marchio Tuscia Viterbese: 16 anni di storia in difesa delle tipicità del territorio

Viterbo
Font

VITERBO - Folta partecipazione venerdì scorso al convegno organizzato dalla Camera di Commercio Viterbo dedicato a “Il Marchio Tuscia Viterbese e le novità normative in materia di marchi collettivi e di certificazione”.

Pin It

Ad alternarsi tra i relatori il presidente dell’Ente camerale Domenico Merlani, il presidente del Comitato Marchio Tuscia Viterbese Alberto Grazini, il segretario generale Francesco Monzillo, l’esperto di proprietà industriale Emanuele Montelione e Tiziana Laureti alla sua prima uscita pubblica da neo direttore del DEIM dell’Università degli Studi della Tuscia.

Nutrita anche la rappresentanza del Comune di Viterbo che ha espresso vicinanza e comunione d’intenti con la Camera di Commercio negli interventi del sindaco Giovanni Arena e degli assessori Marco De Carolis, Ludovica Salcini e Alessia Mancini.

Nel corso del dibattito che ne è seguito gli imprenditori intervenuti, oltre a ringraziare l’Ente camerale per l’ideazione del Marchio avvenuta 16 anni fa e per l’impegno profuso in questi anni per mantenere viva questa realtà, hanno chiesto di dare a questa progettualità più visibilità.

Al termine dell’incontro il presidente Merlani ha dichiarato: “L’esortazione che viene dalle imprese a sostenere ancora di più su questa attività ci fa piacere e ci motiva, tanto più che si tratta di un brand sempre più utilizzato e diffuso. Purtroppo in questi ultimi anni la riforma delle Camere di Commercio, tra l’altro ancora in itinere, ci ha messo in difficoltà, ma contiamo presto di tornare a destinare risorse su questo fronte. Nel frattempo non stiamo con le mani in mano, continuiamo a lavorare sul fronte della comunicazione, della promozione e della qualificazione delle imprese del Marchio Tuscia Viterbese anche in maniera integrata con le altre funzioni che portiamo avanti, in primis il turismo”.

Il convegno si è concluso con un buffet a base di prodotti tipici della Tuscia che ha fatto da anteprima a “Gustose Feste” l’evento che nel fine settimana ha coinvolto 13 imprese che hanno proposto per l’occasione un appuntamento per far scoprire le loro produzioni: per l’artigianato Bell’Ornato studio d’arte di Civita Castellana, Bottega D’arte Daniela Lai di Viterbo, Mastro Cencio di Civita Castellana; per l’agroalimentare Azienda agricola Grani Giorgio (Podere dell’Arco) di Viterbo, Cooperativa agricola Zootecnica Viterbese di Viterbo, Fattorie Solidali S’Osteria 38 di Acquapendente, Il Molino - soc. Agr. Sciuga di Montefiascone, Olio Ottaviani di Udovich Paola di Villa San Giovanni in Tuscia, Panificio Isanti di Corchiano; Salumificio Coccia Sesto di Viterbo; per le Botteghe del gusto Ejelo - La Bottega Del Gojo di Viterbo, La Bottega del Gourmet di Tuscania; Viterbomia di Viterbo.