Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Il Cammino di Sanremo: nella Tuscia il pellegrinaggio musicale di Giovanni Del Grillo

Spettacolo
Font

VITERBO - Giovanni Del Grillo continua il suo Cammino di Sanremo raggiungendo una nuova destinazione: la Tuscia. Tre le tappe del capoluogo laziale, da sabato 19 a lunedì 21, divise tra Viterbo, Chia e Vitorchiano.

Pin It

Sabato 19 gennaio alle 22.00, infatti, il cantautore romano insieme ad Andrea Trivelli (armonitronica), Fabio Castorina (chitarra classica), Lalla Bertolini (poetessa e cantautrice) sarà al Cosmonauta di Viterbo (Via dei Giardini, 11) per un nuovo concerto. Il 20 gennaio Il Cammino di Sanremoprosegue a Chia presso lo Spazio Corsaro (via Ripetta, 20, ore 21:00) dove Giovanni suonerà con Stefano Migneco (cantautore), Andrea Trivelli (armonitronica), Fabio Castorina (chitarra classica), per poi giungere a Vitorchiano, il 21 gennaio dove a fare da palco sarà la strada stessa.

Il Cammino di Sanremo è il pellegrinaggio musicale con cui Giovanni Del Grillo ha scelto di raccontare la sua musica, e la sua autentica anima di cantautore: un vero e proprio viaggio di quasi un mese, in parte a piedi e in parte in camper - dal 17 gennaio al 17 febbraio - lungo monti, valli, teatri e locali di questo nostro Belpaese che la canzone d’autore ha ampiamente contribuito a scriverla e che sembra essersi scordato delle sue origini, appeso dietro un miraggio di lustrini e di apparenze.

Al suo fianco in questo peregrinare, Giuseppe Trusso Sfrazzetto, rigorosamente in camper. E il suo manager più efficiente e sicuramente più fedele, il cane Max, che lo accompagnerà sondando letteralmente il terreno, albero per albero pietra per pietra.

In questo viaggio Giovanni incontrerà la gente, gli altri musicisti come lui: raccoglierà le storie, i pensieri, i sogni di quell’umanità che, lo speriamo, non si è ancora persa. E vuole avere voce, la voce che per tanto tempo ha saputo narrare proprio la grande canzone d’autore.