Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Bagnoregio punta sulla filosofia, all'apertura di FiloCivita Walter Veltroni

Libri
Font

BAGNOREGIO - La filosofia diventa festival nel piccolo borgo di Civita di Bagnoregio. Una delle mete turistiche più suggestive e ricercate d'Italia, un simbolo di resilienza che è candidato a Patrimonio dell'Umanità si prepara alla prima edizione di FiloCivita – Festival della Filosofia di Bagnoregio.

Pin It

L'apertura, fissata per domani, venerdì 7 ottobre, con Walter Veltroni. “Il punto di vista di Veltroni su un tema come quello dell'incanto è sicuramente interessante. Parliamo di una voce autorevole e piuttosto trasversale, che ha attraversato diversi ambiti della vita culturale: la politica, la scrittura e ora il cinema. Parleremo soprattutto con il registra Veltroni e vorremo capire con lui quanto sia importante l'incanto da un punto di vista narrativo”. Spiega il giovane e dinamico direttore artistico Sara Del Bello.

Nel weekend dell'8 e 9 ottobre sono in programma una serie di incontri con filosofi, esperti e tecnici dei diversi linguaggi della comunicazione che avranno modo di confrontarsi in una sorta di moderna agorà. Cinque gli appuntamenti: 8 ottobre - «Il binomio umano-natura tra incanto e disincanto», in dialogo con i docenti di Filosofia Lelio La Porta collaboratore de “Il Manifesto” e Luciano Dottarelli, Presidente del “Club per l’UNESCO Viterbo Tuscia”; 8 ottobre - «L’incanto e disincanto tra umano e digitale», con il filosofo e social media strategist Bruno Mastroianni, esperto di comunicazione di crisi e la divulgatrice e digital marketer Valentina Vellucci; 9 ottobre - «L'incanto tra mito e parola», con Giulietta Ottaviano, docente di Storia e Filosofia, esperta di filosofia e cultura russa e Francesca Romana Nocchi, docente di Lettere Classiche, specializzata in Filologia greca e latina e Storia antica;  9 ottobre - «Il reincanto attraverso la forza e la fragilità delle nostre radici», con Francesca Brezzi, docente di Filosofia Morale, esperta di pensiero di genere e il narratore, saggista e giornalista Alessandro Zaccuri, vincitore del “Premio Brignetti 2022”.

“C'è bisogno di consapevolezza per affrontare le grandi sfide e difficoltà della nostra epoca e abbiamo un bisogno fondamentale di ripartire dalla concretezza del pensiero. Servono lentezza, competenza e visione per immaginare un futuro non casuale e questo lo abbiamo vissuto sulla nostra pelle, con i risultati che siamo riusciti a ottenere sul nostro territorio. Convinti di queste cose abbiamo accolto e deciso di sostenere l'idea di Sara Del Bello e mettere a disposizione i nostri spazi e mezzi per fare nascere FiloCivita. Sarà una prima edizione che ci auguriamo possa segnare l'inizio di un lungo cammino”. Queste le parole del sindaco di Bagnoregio Luca Profili.

“Bagnoregio ha dato i natali a uno dei più grandi pensatori dell'Occidente: San Bonaventura. Inaugurare un festival di filosofia è anche un omaggio a questo nostro illustre concittadino e un messaggio di condivisione di determinati valori. L'incontro, il confronto sono determinanti nei destini dei territori e la filosofia ha sempre, fin dalla sua nascita, giocato un ruolo strategico per la crescita individuale e collettiva. Aggiungo i miei ringraziamenti al direttore artistico Sara Del Bello e a tutti gli studiosi e tecnici che hanno dato la propria adesione”. 

“Sarà un'edizione dedicata al tema dell'incanto. L'ispirazione è arrivata da Civita, dalla bellezza unica del suo paesaggio. Non è un caso se tra le tante definizioni con cui viene descritta troviamo quella di “città incantata” - conclude Sara Del Bello -. Da qui ha preso le mosse un ragionamento sull'incanto, come capacità umana di stupirsi, e disincanto che comunque da esseri umani viviamo. Soprattutto in questa epoca, con un grande dominio della tecnica, e dopo una pandemia come quella da Covid-19 che ha cambiato molte cose. Quanto è forte questa dimensione dell'incanto nell'essere umano? Quanto ci appartiene ancora? E quanto è forte il disincanto? Sono queste le domande da cui siamo pronti a partire per questa tre giorni”.

Tutti gli appuntamenti si svolgeranno all'interno della Casa del vento a Bagnoregio. Tutte le info sulla pagina Instagram filo.civita.