Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Prove di portata: il Sodalizio Facchini Santa Rosa si prepara per il Trasporto 2018

VITERBO - La città è già entrata in piena atmosfera per Santa Rosa. Oltre alla festa per il transito, che si celebra a marzo, il secondo grande momento che fa respirare l'aria di festa sono le prove di portata, a cui i Facchini si sottopongono ogni anno per avere l'autorizzazione ad entrare in formazione, dando contemporaneamente l'occasione a tanti giovani di accedere al Sodalizio.

Forza, sicurezza sono da sempre necessari per alzare la cassetta da 150 chili e portarla in giro per la chiesa della Pace per tre volte. Un gesto che i Facchini conoscono ormai a memoria, ma che rispettano ed eseguono sotto l'occhio del capofacchino Rossi e del presidente Mecarini.

Come sempre tanti gli amici che passano a salutare, autorità civili e religiose, tra questi, oggi, Giulio Marini, il presidente Loddo, Minimacchina Pilastro, don Alfredo Cento, il cappellano dei Facchini e durante le prove degli aspiranti il Prefetto Bruno. Presente anche don Luigi Fabbri: "Porto il saluto da parte del vescovo, siamo al 22 giugno grazie a voi siamo già verso la festa di Santa  Rosa. Grazie a voi e in bocca al lupo per queste prove di portata. 'Semo tutti d'un sentimento', perché dietro a tutto questo c'è tanto cuore: portate la Macchina sulle spalle  e con lei i valori di solidarietà di questa città".

Un augurio per gli aspiranti, che attendo con trepidazione, e prima di mettersi sotto la cassetta ricevono il messaggio diretto di Sandro Rossi: "Chiarisco subito, ad oggi non sappiamo se e quanti serviranno di nuovi. Sappiate che scegliere 5 o 6 su 100 non è facile, subentra l'esperienza di chi tra noi lo fa da decine di anni, dovete fidarvi della nostra scelta. Nella lista ho tutti giovanissimi, sappiate che ci saranno altre occasioni, evitiamo di fare polemiche, nei prossimi giorni, magari sui social, parlando di raccomandazioni. Tutto è fatto con la massima trasparenza: verificate bene la cassetta, se non la sentite bene fermatevi, la sistemiamo e alla fine se vi rendete conto di non aver fatto bene il giro lo  ripetiamo dopo".

Parole che provano a tranquillizzare i giovani, di fronte ad una prova che se un giorno diventa ordinaria, fino a quando non si indossa la divisa da Cavaliere di Rosa sembra insuperabile. I nuovi iniziano, c'è chi fatica ma porta a termine, chi decide di fermarsi e riprovare dopo, chi si lancia spedito. Ci sarà tempo per sapere chi sarà selezionato, domani arriveranno altri giovani e a luglio si saprà qualcosa in più.

Mentre si attende Santa Rosa iniziano le altre feste, domenica Massimo Mecarini rappresenterà la Grande Rete delle Macchine a Spalla, patrimonio Immateriale Unesco, a Nola, dove si riperetà il trasporto dei gigli.

T. P.