Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

VITERBO - Consueta conferenza stampa fiume di presentazione del Trasporto della Macchina di Santa Rosa, con tutti i protagonisti, partendo dal Sodalizio dei Facchini, Sandro Rossi e Massimo Mecarini; poi la curia e il santuario, con il vicario del vescovo, don Luigi Fabbri e la superiora suor Francesca Pizzaia; il settore sicurezza rappresentato dal questore Macera; per la Macchina l'ideatore arch. Raffaele Ascenzi e il costruttore Vincenzo Fiorillo e per il Comune il sindaco Giovanni Arena e l'assessore Marco De Carolis. Tra i banchi i protagonisti delle tre Minimacchine e gli eventi Lux Rosae e Centesimiamo (leggi anche gli articoli https://www.latuaetruria.it/appuntamenti/23-sagre-e-feste/2838-le-minimacchine-tradizione-e-futuro-per-il-sodalizio-dei-facchini-di-santa-rosa e su https://www.latuaetruria.it/appuntamenti/24-manifest-religiose/2839-lux-rosae-la-fiaccola-omaggia-tutte-le-donne-e-le-battaglie-di-vita).

VITERBO - Tra gli appuntamenti fissi delle festività per Santa Rosa è ormai attesissimo il corteo storico del 2 settembre, diventa difficile pensare che la prima uscita risale al 1976, quando 12 personaggi in costume inventarono la prima edizione, passando tra auto in sosta e in marcia, e recuperando un'antica tradizione religiosa che prevedeva la processione insieme al baldacchino.

VITERBO - Ufficializzate le novità del Trasporto 2019: un'aureola in plexiglass con led centrale sarà installata sulla statua di Santa Rosa, donando una luce speciale alla cima della Macchina, e una serie di braccetti illumineranno maggiormente angeli, facchini e allegorie della parte frontale.

VITERBO -  Riprenderanno il prossimo lunedì 7 ottobre i corsi di “Un desiderio di Irene”, il programma di attenzione psico-fisica in vasca per donne operate di tumore al seno realizzato da Confartigianato Imprese di Viterbo, Ancos e Asl di Viterbo, in collaborazione con piscina MGM, associazioni Beatrice e Aman e partner privati. L’iniziativa, alla sua seconda edizione, è stata concepita per ricordare adeguatamente Irene, giovane impiegata negli uffici dell’associazione viterbese che a soli 38 anni, dopo aver combattuto la malattia con grande coraggio, se ne è andata ad inizio 2019.

Altri articoli...